Plefsis Traditional Tavern

La piccola trattoria della verità

I tavoli quadrati, dalle tovaglie a quadri, sono posti sulla sabbia, affianco al mare. Sono accompagnati da sedie viola, bianche, rosa e rosse con la seduta in paglia, e sono protetti dal sole da ombrelloni di canne dai pali colorati di bianco come dei tronchi d’albero imbiancati a calce. Vecchi fustini di latta in cui si conservava il formaggio feta, sono disseminati ovunque e sono utilizzati come vasi per il prezzemolo e il basilico. Gerani, olive e crisantemi, piantati in diversi angoli, danno la sensazione di pranzare nel cortile di casa. Al centro, si erge una veranda, con pochissimi tavolini, con una pavimentazione a mosaico marrone e coloratissimi fiori sui lati dell’entrata, e tutto questo mentre dal fondo giungono gli appetitosi profumi della cucina.

Tutto lo scenario fa venire in mente i film del vecchio cinema greco. Davanti ai nostri occhi, sul piccolo molo di cemento, i pescatori locali, con la coppola in testa e le camicie dai colori chiari, hanno ormeggiato le barche e ora sbrogliano le reti per la prossima uscita di pesca. Spiros, il gabbiano mascotte di Grikos, fa tuffi per rinfrescarsi o si avvicina alle persone per piluccare qualche leccornia. Dagli altoparlanti si diffonde a basso volume la vera musica greca, da Poly Panou a Stratos DIonysiou, sino a Eleftheria Arvanitaki e Charis Alexiou; i camerieri guidano gli ospiti sino alla vetrina perché scelgano da soli il pesce fresco e sino alla lavagna per dare un’occhiata ai piatti del giorno trascritti a gesso. Nel preciso momento in cui si beve la prima sorsata di ouzo ghiacciato, sciacquandosi inavvertitamente la bocca dalla salsedine del mare, ci si rende conto ancora una volta che non c’è niente di più autentico di un’estate greca.

Dopo l’ordinazione, sul tavolo comincia ad arrivare ogni bendidio della produzione greca e locale. Sapori autentici che si basano sulla genuinità delle materie prime: pomodori rossi, carnosi, profumatissimo olio d’oliva mischiato a capperi, ortaggi freschi provenienti dagli orticelli locali, che una girata e una voltata nella padella già basta a deliziare il palato; assaggini di frutti di mare per accompagnare lo tzipouro o l’ ouzo, calamaretti, polpo e sgombro sotto sale, sono alcune delle prelibatezze in menù. Al «Plevsis», in questa trattoria della verità, dove oltre che a piatti prelibati si serve anche un’ampia vista su Tragonisi e su «Kalikatsoù», si rivive l’estate spensierata dei ricordi infantili.

Pefsis Traditional Tavern website

Reservations