Pasqua

Culto e umiltà

Patmos è una destinazione conosciutissima a livello mondiale per i festeggiamenti di Pasqua. Spesso è definita la «Gerusalemme del Mediterraneo» per la presenza sull’isola di San Giovanni Evangelista e la scrittura del libro dell’Apocalisse, nella grotta sacra. Un luogo santo, intriso di religiosità. Le manifestazioni celebrative nell’isola sacra dell’Apocalisse avvengono nel pieno della tradizione e hanno un’importanza straordinaria non solo per l’ellenismo, ma proprio per la Cristianità su scala mondiale.

Naturalmente, Patmos attira molte persone nei giorni della festività di Pasqua, perché offre un’atmosfera davvero emozionante per tutti i visitatori. Per via del Monastero di San Giovanni il Teologo ma anche per la struttura architettonica della regione, con gli stretti vicoletti bianchissimi e le buie gallerie di pietra, l’atmosfera è, a dir poco, mistica. Si percepirà un timore reverenziale nella grotta dell’Apocalisse, il luogo in cui Giovanni l’Evangelista scrisse il testo sacro dell’Apocalisse. Giovanni incise una croce sulla roccia creando una profonda spaccatura che termina con altre tre spaccature più piccole (che simboleggiano la Santa Trinità). È molto interessante seguire la cerimonia della «Lavanda dei piedi» nel giorno di Giovedì Santo. Il priore, proprio come fece Gesù, lava i piedi dei dodici monaci seduti su un grande palco, come i discepoli dell’Ultima Cena.

Nel giorno di Venerdì Santo, nel monastero di San Giovanni il Teologo si ha la rappresentazione della Deposizione. Quella stessa sera, i cosiddetti «epitaffi», una sorta di corteo funebre di Gesù, partono da tutte le chiese dell’isola e seguono un percorso tra i vicoletti sino a ritrovarsi nelle grandi piazze di Chora e di Skala. Le porte del Monastero si aprono la sera del Sabato Santo per accogliere i credenti e dare loro l’occasione di partecipare alla liturgia della resurrezione così cove viene eseguita da uno dei più importanti monasteri della Cristianità. La Domenica di Pasqua, nella processione detta dell’«Amore», viene letto il Vangelo della Resurrezione in diverse lingue, visto che è seguito da credenti provenienti da ogni angolo della terra.

L’albergo Patmos Aktis Suites & Spa, rimane aperto nei giorni santi di Pasqua, per poter ospitare i visitatori che desiderano vivere il carattere vero della Pasqua ortodossa nell’isola santa dell’Apocalisse. Il personale dell’albergo Patmos Aktis Suites & Spa sarà ben felice di offrire ogni informazione sugli usi e sulle cerimonie tradizionali festive dell’isola. Ogni anno, il premiato ristorante «Αpocalypsis», offre ai suoi clienti un menù quaresimale per tutta la durata della Settimana Santa. Durante la notte della Resurrezione, si può gustare la tradizionale «maghiritsa» e per il pranzo della Domenica di Pasqua è riservato un buffè pasquale, con il famoso agnello locale e il ricco buffet di cucina greca.

Reservations